GIUSTIFICATI PER FEDE

(Giustificati per FEDE, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo)  (Romani 5 verso 1). 

Ci rendiamo conto di quante verità importanti siano racchiuse in questa breve frase? Esaminiamola insieme più da vicino.

1. «Giustificati»: Una persona che necessita di "giustificazione" ha certamente trasgredito qualcosa. Ed il punto è proprio questo. Agli occhi di Dio noi non siamo giusti, infatti sta scritto nella Bibbia che «...non v’è nessun giusto, neppure uno» (Romani 3 verso 10). Ciò evidenzia che ogni uomo, anche il bravo, il più onesto ed il moralmente più buono, a causa della sua natura corrotta per discendenza adamitica) è condannato. Di fronte a questa sentenza non esiste nessun merito nè sulla base di opere meritorie, nè sulla base di penitenze: ogni uomo è condannato! Però possiamo essere resi giusti, perché qualcun'altro ha preso la nostra condanna. Questo qualcuno che si è caricato delle nostre colpe è Cristo Gesù, il quale morendo in croce ha pagato con la Sua vita il prezzo della nostra condanna, rendendoci così «giustificati» davanti a Dio. Se accettiamo l’opera compiuta alla croce siamo giustificati ed un qualcosa di compiuto, non viene più messo in discussione.

2. «Abbiamo pace»: La nostra ingiustizia ci rende nemici di Dio; infatti, come peccatore l’uomo è in guerra con il suo Creatore. Ecco perché non vi è pace nel mondo e nè tantomeno nel cuore dell’uomo. Quante guerre ci sono sulla terra, ma soprattutto quante guerre nelle famiglie e quante nel cuore dell’uomo. Tutto questo è da attribuire non alla società o alle istituzioni ma al solo fatto che l’uomo non vive in pace con Dio. Ma chi accetta l’opera compiuta da Gesù gode immediatamente della pace. Proprio così: IMMEDIATAMENTE! Infatti notiamo che il verbo «abbiamo pace» è coniugato al presente e ciò sta ad indicare che la pace è una conseguenza immediata e non un beneficio futuro.

3. «Per mezzo di Gesù Cristo»: Non possiamo giustificarci da soli per mezzo di opere meritorie, non possiamo nemmeno pagare o pensare che qualche personaggio religioso possa dichiararci giusti: «Poiché è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi: è il dono di Dio. Non in virtù d’opere affinché nessuno se ne vanti». (Efesini 2 verso 8). Tutto questo l’abbiamo perché Cristo è morto ed ha pagato per noi.

4. Attenzione però, la parola chiave che ci fa realizzare tutto questo la troviamo sempre nel verso in questione ed è: «PER FEDE». Noi possiamo essere giustificati ed avere pace solo se abbiamo fede in quello che Gesù ha fatto. La fede non va riposta in un uomo o in una religione ma esclusivamente in Gesù. Fermiamoci un attimo e consideriamo se nel nostro cuore c’è pace... e se scopriamo che non c’è, allora chiediamoci: ”In chi ho riposto la mia fede?