LA PORTA SI STA CHIUDENDO

«Eccolo ora il tempo favorevole; eccolo ora il giorno della salvezza!» (2 Corinzi 6 verso 2)


Un suono allerta i passeggeri dell’imminente chiusura della porta della metro. Di solito, alcuni ritardatari corrono freneticamente lungo il marciapiede saltando nella carrozza in partenza. La porta si chiude come previsto, tra quei corridori dell’ultimo istante sono in pochi quelli che riescono a salire a bordo, qualcuno forse, con il soprabito incastrato tra le porte, dentro per un soffio. Forse anche a noi sarà capitato. Per quanti non ce la fanno, non rimane che attendere la prossima corsa sulla pensilina. Poco male.

Ma c’è un’altra porta molto più importante che dobbiamo varcare prima che si chiuda definitivamente. Non ci sarà un’altra corsa, perciò o riusciamo a varcarla in tempo o si rimane fuori per sempre. Questa è la porta della grazia di Dio. Cristo è venuto, è morto per i nostri peccati ed è risuscitato. Egli ha aperto la porta della salvezza e ci ha mostrato la via che conduce a Dio. Per entrare, basta credere in Lui, riconoscerLo come Salvatore e Signore. Non dire: “Io ho la mia religione e mi va bene così!” Non si tratta di avere una religione, ma di aver accettato Gesù come tuo Salvatore ed aver ottenuto il perdono dei tuoi peccati, grazie al Suo sangue sparso sulla croce.

Oggi possiamo ancora salire sul treno della grazia, però l’allarme sta suonando: affrettati a salire, ne va del tuo destino eterno. Gesù ti invita oggi: «Io sono la porta; se qualcuno entra per me, sarà salvato» (Giovanni 10 verso 9). Affrettati e non perdere la corsa.



SE DESIDERI RICEVERE MEDITAZIONI DIRETTAMENTE SULLA TUA POSTA ELETTRONICA ISCRIVITI INVIANDOCI IL TUO INDIRIZZO MAIL

ISCRIVITI AD UNA PAROLA PER OGGI