APPOGGI INSICURI

«Il Signore sarà la tua sicurezza,e  preserverà il tuo piede da ogni insidia» (Proverbi 3 verso 26). 

In piedi, in un sovraffollato autobus, dopo un giorno di faticoso lavoro, una donna ritornava a casa sua. Mentre percorreva le strade piene di buchi, il veicolo oscillava così violentemente che per mantenere l’equilibrio la donna si afferrò ad una barra di metallo, credendo che fosse uno dei supporti dell’autobus. Per varie soste seguì tranquilla e fiduciosamente appoggiata , fino a che un passeggero si accostò a lei per scendere e le disse: “ Signora mi perdoni, ma devo scendere qui.” Solo allora la donna si rese conto che, per tutto il viaggio, si era appoggiata ad un tubo che il passeggero trasportava ed aveva tenuto verticalmente per non scomodare gli altri. Si era sentita tanto sicura, pur essendo afferrata ad un appoggio così insicuro. 

Come quella distratta donna, spesso anche noi mettiamo la nostra fiducia su appoggi insicuri. I nostri punti di appoggio normalmente sono la salute, il lavoro le ricchezze ed il prestigio, ma sono sostegni sicuri? Nonostante tutta la cura che possiamo dare al nostro corpo, all’improvviso possiamo essere colti da problemi di salute inaspettati. Ugualmente, per molti uomini che confidano principalmente nel proprio lavoro o nelle proprie ricchezze, quando esse vengono meno, viene meno la fonte della propria identità personale e si sentono screditati a livello sociale, come se non avessero valore alcuno come esseri umani.  

In realtà c’è un solo sostegno sicuro in questo mondo, che non verrà mai meno: il nostro Dio Creatore, Egli è sempre con noi, in ogni tempo, non solo quando ci sentiamo disperati e abbattuti.

Impariamo a fidarci del Signore, Lui non crolla ma rimane stabile in eterno!