UN AMICO PER TE

Descrizione immagine

Gesù disse: «Voi siete miei amici, se fate le cose che io vi comando»

(Giovanni 15 verso 14


C'è una paura comune a tutti gli uomini, è la paura di restare da soli. Quelli che più ne risentono sono i giovani adolescenti, vivono il timore di non essere accettati. Cosi solitudine rende l'uomo insicuro, triste e pieno di domande: perché nessuno mi considera? sono davvero una persona così antipatica o inaccettabile? Di conseguenza in modo molto drastico inizia a calare la propria autostima. Si alzano muri invalicabili tra noi e gli altri per evitare di essere nuovamente delusi e abbandonati. Quindi si cerca di riempire questo vuoto con sistemi palliativi, che distraggono la mente e che ci possono tenere impegnati. 
 

Capita però troppo spesso che questi mezzi di distrazione diventano vizi, da cui non si riesce a liberarsi: (fumo, pornografia, alcol, droga, cibo, sesso ecc...). Imbarazzati dalla situazione in cui ci siamo ritrovati ci accorgiamo di essere diventati amici del nostro peggior nemico, il peccato. Questo è conseguenza del fatto che quel vuoto non può essere riempito con queste cose, perché la nostra anima rigetta ogni sorta di compromesso che gli venga proposto, perché ognuno di noi deve comprendere che solo Gesù può appagare la nostra vita.


Se non hai nessuno a cui confidare i tuoi pensieri perché nessuno ti ascolta, parla con Dio. Lui è un ascoltatore attento. Ai giorni d'oggi quasi nessuno è più disposto ad ascoltare. Saturi così come siamo, di informazioni, non abbiamo più tempo di ricevere il parere e le idee degli altri, finendo per parlare sempre più di noi stessi. Al contrario Dio desidera avere comunione con te. Il Signore è disposto ad offrirti la Sua amicizia, vuole essere il tuo confidente a cui potrai raccontare ogni cosa e darti i consigli giusti che faranno del bene alla tua vita. In Lui potrai trovare quell'amico sincero che hai sempre cercato e sentirai la tua anima finalmente appagata. 



 

 



Descrizione immagine

    

    

    

Un giorno un uomo stava percorrendo con la sua auto le vie di una città a lui sconosciuta e non riusciva a trovare un certo indirizzo. Fermatosi, chiese ad un passante come arrivarci. Questo incominciò a dare dei punti di riferimento di strade ed incroci, ma poi alla fine si arrese ed affermò “mi dispiace, credo che da qui non possa proprio arrivare in quella via, deve tornare indietro e trovare un’altra strada”.