NON HO PACE

Descrizione immagine

Viviamo in un’epoca in cui nel cuore di ogni uomo manca, la pace, la serenità, esiste un inappagamento totale in ogni sfera personale. Questa insoddisfazione poi, si ripercuote prima di tutto nella famiglia, con sentimenti che finiscono, atteggiamenti che sfociano in cose che non fanno altro che minare l’unione della famiglia, con difficoltà di tenere un rapporto corretto col coniuge e con i figli ecc. Basta accendere la TV per vedere come le più grande tragedie si consumano tra le mura domestiche.


Manca la pace nelle famiglie e questo inevitabilmente influisce sulla nostra società, ecco spiegato le guerre nel mondo; l’uomo non ha pace e questo determina tutti e dico tutti, i problemi che vediamo e sentiamo ogni giorno.  

Vi è un verso nella Bibbia molto bello, un’affermazione fatta da Gesù: «Vi lascio pace; vi do la mia pace»  (Giovanni 14 verso 27). Ma come mai, nonostante Gesù, ci abbia lasciato questa promessa, in realtà, la tanto sospirata pace non c’è? La risposta ci è data sempre dalla Bibbia, infatti il profeta Isaia parlando di Gesù, dice che Lui è «Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre eterno, Principe della pace.» (Isaia 9 verso 5). Come possiamo pretendere di avere la pace, se non ci impegniamo ad avere prima nel nostro cuore, il Gesù della pace? Sarà una battaglia persa, il pretendere e il cercare la pace, quando non facciamo in modo che il Signore sia veramente il Signore della nostra vita.

 

Attenzione!!! La soluzione non è in una religione, ma nel realizzare il Dio della Bibbia nella propria vita. Gesù è la risposta ai problemi dell’uomo, ma non è un distributore automatico di regali. Se ci manca la pace chiediamoci se il Principe della pace, è nel nostro cuore? 



 

 



Descrizione immagine

    

    

    

Un giorno un uomo stava percorrendo con la sua auto le vie di una città a lui sconosciuta e non riusciva a trovare un certo indirizzo. Fermatosi, chiese ad un passante come arrivarci. Questo incominciò a dare dei punti di riferimento di strade ed incroci, ma poi alla fine si arrese ed affermò “mi dispiace, credo che da qui non possa proprio arrivare in quella via, deve tornare indietro e trovare un’altra strada”.